BigProfiles

BigProfiles-logo

BigProfiles Platform LORENZO DEF (ITA)

L’Autopilot per i Predictive Analytics basato sull’Intelligenza Artificiale Modellazione predittiva end-to-end autonoma, scalabile e ottimizzata, dalla pulizia dei dati alle previsioni in tempo reale. Prenota una Demox Predici i comportamenti di prospect e clienti Per ogni modello predittivo che si intende creare, BigProfiles esegue la pulizia dei dati, testa decine di algoritmi di Machine Learning, […]

Migliorare la donor retention delle No-profit nel 2023

Lo sviluppo della base donatori è cruciale per ogni organizzazione no-profit, ma spesso si è tentati di investire più nell’acquisizione che nello sviluppo della donor base. Questa attitudine sta però lentamente cambiando, riconoscendo sempre più l’importanza dei donatori che sono già coinvolti nella propria organizzazione. Abbiamo già visto in questo articolo come le organizzazioni no-profit abbiano la possibilità di mettere in piedi campagne di acquisition efficaci al fine di aumentare il numero di donatori. Oggi ci occuperemo di come possano riuscire a mantenere fedeli quelli che già hanno sposato la loro causa attraverso strategie di donor retention, ovvero con l’obiettivo di aumentare la percentuale di donatori che continua a donare regolarmente nel tempo.

Come l’Intelligenza Artificiale rivoluziona il mondo delle organizzazioni No Profit

Le organizzazioni no profit sono enti senza scopo di lucro che svolgono attività di interesse generale e di utilità sociale senza ricavarne un profitto e i cui ricavi devono essere reinvestiti per continuare a perseguire il fine per cui è nata. Negli ultimi anni, la pandemia e la guerra in Ucraina, ma anche il sempre attuale dibattito sul salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, hanno fatto sì che il numero di aziende senza scopo di lucro aumentasse enormemente e, di conseguenza, che il settore avesse sempre più necessità di nuovi fondi da destinare alle attività umanitarie.

Ecco come aprire un Call Center (di successo) nel 2021

Il servizio clienti è cambiato rispetto al passato. Le tecnologie e gli altri strumenti necessari ad aprire un Call Center e farlo funzionare al meglio sono sempre più potenti e sofisticati, e hanno portato ad un aumento delle aspettative sia da parte dei consumatori che dei dipendenti. Tutte le attività correlate, compreso il Teleselling, non sono più le stesse e dobbiamo fare in modo che siano sempre al massimo delle loro potenzialità. Oggi il Call Center deve puntare tutto sul valore del suo contenuto.

Un bollino blu per i call center di Valore? Un disegno di legge di Assocontact

È questo il disegno di legge proposto dal presidente di AssoContact, Lelio Borgherese. Dopo l’ennesima scoperta di un contact center all’interno di un garage e in condizioni del tutto denigranti per chi presta la propria attività lavorativa, AssoContact ha proposto un disegno di legge incentrato sul Bollino Blu, secondo quanto si apprende dalle pagine del sito stesso dell’associazione. Il Bollino permetterebbe a committenti e consumatori di riconoscere le aziende affidabili.

Telemarketing e Teleselling: cosa scegliere per aumentare le vendite?

Il telefono è il fulcro intorno a cui ruota buona parte delle nostre attività quotidiane. Negli anni sono cambiati il suo aspetto, la sua tecnologia e le modalità con cui lo utilizziamo, ma le attività di marketing che lo coinvolgono sono più o meno le stesse. Telemarketing e Teleselling sono ancora tra i migliori canali di vendita e riescono a trasformare un semplice contatto in un cliente. Telemarketing e Teleselling possono fare la differenza in una campagna vendite.

Employee Retention: il segreto per un Contact Center che funziona

I dipendenti sono la linfa vitale di tutte le aziende e in ogni settore d’impresa, garantirne la soddisfazione significa aumentare l’efficienza del loro lavoro; esistono attività che favoriscono questo flusso costante e rispondono al nome di Employee Retention. Per i BPO il turnover del personale rappresenta un vero problema che arriva a costare alle aziende fino al 20% del salario annuale di un impiegato medio, per ogni persona da sostituire.

I rischi nel teleselling al tempo del coronavirus

Il teleselling al tempo del coronavirus, teleselling, coronavirus

La carenza di personale e la diminuzione delle vendite, il crescente sentimento negativo che si sviluppa nella popolazione verso il brand che continua la sua attività di contatto, costituiscono i maggiori problemi del teleselling al tempo del Coronavirus. Affrontare una campagna di Teleselling in questi giorni e i grossi rischi per il Brand: un altro enorme problema che potrebbe ripercuotersi sulle vendite di ogni azienda è la percezione che il consumatore finale può avere del Brand.